Ce la può fare il Comune di Gorizia a gestire i Musei provinciali?


Sulla questione dei Musei provinciali di Gorizia e la scelta del loro destino quando cesserà di esistere la Provincia, è in corso dallo scorso anno un vivace dibattito, che, però, ha sempre più i connotati di un puro scontro politico tra destra e sinistra, tra Comune di Gorizia e Regione.
L'intervento più interessante fino ad ora sembra essere stato quello del prof. Silvano Cavazza riportato nel blog di forumgorizia ( http://forumgorizia.blogspot.it/2015/07/i-musei-provinciali-di-gorizia.html ) con alcune risposte e controrisposte. Cavazza evidenzia i limiti di entrambe le soluzioni (1. passaggio dei musei al Comune 2. gestione dei musei da parte della Regione nell'ambito dell'Istituto per il Patrimonio culturale di Villa Manin) ma soprattutto sottolinea il disinteresse che c'è stato da parte di TUTTE le istituzioni goriziane verso la rappresentazione museale della storia locale. Non c'è un solo luogo, a Gorizia, in cui si racconti in modo efficace, completo e documentato, la gloriosa storia della città e della sua contea. Non l'ha fatto la Provincia, che si è limitata a mantenere (magari rinnovandoli e ampliandoli) i musei che già c'erano nel dopoguerra, e non l'ha fatto il Comune, che ha addirittura ristrutturato il Monastero di Santa Chiara (foto di C. Sclauzero) e dopo molti anni non sa ancora cosa metterci dentro! 



Ma la prova dello scarso interesse del Comune per la cultura (il Sindaco ha tenuto per sé la delega ma non per questo si è distinto per spirito di iniziativa e volontà di innovazione) è nella triste situazione della Fondazione Coronini, dove un tesoro di valore internazionale langue tra mille difficoltà e sopravvive solo per la buona volontà del personale. Il Sindaco non ha un programma vero per la cultura, e qualsiasi obiezione viene liquidata il più delle volte come frutto di scontro politico.
Come fa oggi attraverso le dichiarazioni pubblicate su "Il Piccolo" in risposta al gruppo di opposizione "Gorizia è tua":




Altri interventi pubblicati sull'argomento:

Da “Il Piccolo” 21 gennaio 2016
Tondo: «Torrenti vuole scippare i Musei a Gorizia»
«Mi ha stupito la superficialità con cui l'assessore regionale Gianni Torrenti è intervenuto sulla questione del Musei provinciali di Gorizia, senza curarsi minimamente del dibattito importante e spesso polemico che si è sviluppato intorno a questo tema». Parole di Renzo Tondo, consigliere regionale di Autonomia responsabile. Che aggiunge: «Torrenti cincischia confusamente sulla proprietà dei beni custoditi nei Musei, che dovrebbero appartenere al "territorio": quale, se la Provincia è prossima a essere cancellata e l'Isontino sarà diviso in due Uti? Ma Torrenti non sa che Autonomia Responsabile, il sindaco Romoli, il comitato Gopolis, oltre che a rappresentanti politici di ogni schieramento, hanno proposto che i Musei provinciali siano gestiti dalle istituzioni goriziane e isontine, in sinergia con la Regione? A Torrenti sembra che l'unico problema che lo interessi veramente sia quello della posizione dell'attuale direttrice Raffaela Sgubin. E allora? Perché Torrenti non spiega pubblicamente il perché di questa proterva volontà di scippare a Gorizia il più grande patrimonio che le rimane? O lo dice, oppure dobbiamo pensare che l'unico scopo di questa manovra è quello di mantenere lo scrigno della cultura goriziana nelle mani della sinistra. Da Gherghetta alla Serracchiani, tanto per intenderci».  



Da “Il Piccolo” 27agosto 2015
«Portelli sostiene di essere pronto a trattare? Ma la Provincia non è più padrona dei Musei. Il nostro interlocutore sarà la Regione».
Arriva a stretto giro di posta la risposta del sindaco Romoli all’assessore provinciale alla Cultura Federico Portelli. Nodo del contendere? Sempre lo stesso: la dibattuta, futura gestione dei Musei provinciali. «La proprietà deve andare al Comune di Gorizia - taglia corto il primo cittadino - perché è una patrimonio della città. Sulla gestione, invece, si può discutere e faremo un ragionamento con la Regione e l’assessore Torrenti. L’idea, lo ripeto, potrebbe essere quella di affidare tutto a una Fondazione o un’Agenzia, che dir si voglia. Vi potrebbero partecipare l’Uti Collio/Alto Isonzo, la Camera di commercio, la Fondazione Cassa di risparmio di Gorizia e anche la Regione. In pratica, tutto sarebbe in mano ad un soggetto non politico». Conclude Romoli: «Ci piacerebbe che la Provincia ci fosse vicina in questa battaglia, soprattutto l’assessore di riferimento che è... goriziano e dovrebbe fare gli interessi della sua città».



Commenti

Post popolari in questo blog

Artisti friulani tra Otto e Novecento: Antonio Camaur (1875-1919)

Dove sono le opere di Lucio Fontana dei musei friulani?

Chiude l'AIM, Alinari Image Museum, di Trieste.