Post

Visualizzazione dei post da Dicembre, 2012

Il legno. Una tradizione in Carnia

Immagine
Un convegno molto interessante apre l’attività del 2013 al Museo carnico delle tradizioni popolari “Michele Gortani” di Tolmezzo. Il tema è la tradizione del legno sia dal punto di vista dei beni culturali sia come fonte di lavoro e risorsa economica. Studiosi di diverse discipline si avvicenderanno in un pomeriggio denso di contenuti. Ecco il programma.
Venerdì 11 Gennaio 2013 Ore 15.00
Salone Centrale del Museo Carnico
Dott. Roberto Siagri, benvenuto del Presidente della Fondazione Museo Carnico delle Arti Popolari "M. Gortani"
Maria Beatrice Bertone - Vicepresidente della Fondazione Museo Carnico delle Arti Popolari "M. Gortani", "Il Legno nel Museo Gortani"
Giorgia Gemo - Centro Regionale di catalogazione e restauro dei beni culturali, "Documentare i beni museali. Progetti condivisi con il Museo Carnico delle Arti Popolari "M. Gortani"
Francesco Micelli - Geografo Università di Trieste, "Il paesaggio e la filiera del legno in Carnia …

Una natività del Cinquecento su maiolica

Immagine
Ancora una splendida natività esposta in un museo del Friuli Venezia Giulia: il Museo Sartorio di Trieste, che ospita al piano terra, una ricca collezione di ceramiche italiane e triestine. Crespina con la Natività, manifattura faentina, seconda metà del XVI sec. maiolica; cm (d) 31 x (h) 5, CMSA inv. 7308
Che cosa significa "crespina"? E' il nome di un tipo di maiolica prodotta soprattutto a Faenza nel sec. 16°; di forma varia (piatto più o meno fondo, coppa con o senza piede, fruttiera), la crespina è caratterizzata dall’orlo ondulato e dalla superficie con baccellature, scanalature, increspature; talvolta è anche traforata, e può avere la parte interna istoriata, oppure bianca, con poche figure in sobrî colori nel centro e sui bordi, secondo lo stile compendiario faentino.

L' "Adorazione dei pastori" di Giambattista Tiepolo

Immagine
Continua la rassegna dedicata al tema della natività nella storia dell'arte. Questa volta scegliamo Giambattista Tiepolo, "Adorazione dei pastori", penna, su traccia a matita,
acquarellato, mm 442x303. Conservato al Museo Sartorio di Trieste e ora esposto (fino al 7 aprile) nella mostra "Tiepolo a Trieste. I disegni del Museo Sartorio" questo disegno non è terminato ma è condotto con grande finitezza, come fine a se stesso. A destra, tracciati a matita, si scorgono il tronco di un albero e figure angeliche accanto alla Madonna. La datazione può stabilirsi poco prima del 1730 (da G. Vigni, Disegni del Tiepolo, Editoriale libraria, Trieste, 1972)

Alla scoperta di opere sul tema della "Natività"

Immagine
Tra le più belle opere che si possono trovare in Friuli Venezia Giulia sul tema della "Natività" si distinguono due affreschi di Gianfrancesco da Tolmezzo, grande pittore originario di Socchieve di cui si è celebrato da poco il cinquecentesimo anniversario della morte. Vale la pena andare a visitare la chiesa di San Nicolò di Comelico e la chiesetta di S. Antonio abate di Barbeano per vedere queste opere. Intanto qualche cenno biografico.
GIAN FRANCESCO da Tolmezzo (Giovanni Francesco Dal Zotto). - Non si conosce l'anno di nascita di questo pittore friulano che, come testimonia l'iscrizione apposta nel 1493 a firma degli affreschi in S. Martino a Socchieve, era originario di Tolmezzo e figlio del sarto, ricordato anche come pittore, Odorico Daniele da Socchieve "de la caxada de queli del Zoto" (Bergamini, 1988).
Non si hanno dati documentari certi sulla formazione di Gian Francesco. Alcuni studiosi hanno voluto collegare i suoi inizi all'attività del pitt…

I musei più aperti per Natale sono quelli statali

Immagine
Le feste di Natale sono una buona occasione per visitare i musei, anche quelli di casa nostra, dove non si va mai, pensando, forse, che siano rimasti come quando li abbiamo visti da scolari....Ma siamo sicuri di trovarli aperti? Facciamo un giro per i principali musei del Friuli Venezia Giulia annotandoci gli orari. A Udine si possono visitare: Casa Cavazzini , con il nuovo allestimento della mostra “Metamorphosis. Le collezioni Moroso fra design e arti visive” (dalle 10.30 alle 17 e il venerdì e il sabato dalle 10.30 alle 19.30 ma fino al 31 dicembre, chiusa il 1° gennaio), al Museo Etnografico la mostra“Mistirus, l’arte della stampa” e la mostra “In viaggio”, alle Gallerie del Progetto la mostra “I merletti nel tempo: un patrimonio da salvare” e in Castello “I colori della seduzione: Giambattista Tiepolo e Paolo Veronese” (orario 10.30-17, il 31 dicembre dalle 10.30 alle 13 e chiuso il 1° gennaio).
A Trieste si possono visitare il Castello (9-19), il Museo Revoltella con le mostre “…

Novità al Museo del Risorgimento di Trieste

Immagine
E'stata inaugurata il 20 dicembre la mostra "Oberdan/Nordio. Materiali per due anniversari" al Civico Museo del Risorgimento di Trieste. Resterà aperta fino al 7 aprile 2013 (ingresso gratuito, ogni giorno eccetto il lunedì, dalle10 alle 18. Indirizzo: via XXIV Maggio 5, piazza Oberdan). Il Civico Museo del Risorgimento è ospitato nell'edificio appositamente progettato dall'architetto Umberto Nordio tra il 1931 e il 1932, e decorato con alcuni bellissimi affreschi eseguiti nel 1935 da Carlo Sbisà che raffigurano allegoricamente le città redente. Conserva documenti, fotografie, divise, cimeli, dipinti relativi a fatti e personaggi delle vicende risorgimentali locali, dai moti del 1848 alla prima guerra mondiale. All'esterno si trova il Sacrario dedicato alla memoria di Guglielmo Oberdan, con la cella in cui fu imprigionato e il monumento bronzeo di Attilio Selva. (continua a leggere...)

Tiepolo a Trieste

Immagine
In occasione della grande mostra “Giambattista Tiepolo. Luce, forma, colore, emozione” inaugurata il 14 dicembre a Villa Manin di Passariano su iniziativa dell’Azienda speciale Villa Manin e a cura di Giuseppe Bergamini, Alberto Craievich e Filippo Pedrocco, il Civico Museo Sartorio di Trieste, che è presente alla mostra con 54 disegni, propone al pubblico nella sua sede una mostra intitolata "Tiepolo a Trieste. I disegni del Museo Sartorio" (15 dicembre 2012 – 7 aprile 2013) in cui sono esposti altri 140 disegni normalmente esclusi dall’esposizione permanente per ovvie ragioni di conservazione, che completano il panorama della grafica tiepolesca con una rassegna preziosa e originale voluta dalla direttrice Maria Masau Dan e curata da Lorenza Resciniti e Francesca Nodari. (continua a leggere...)

Arte contemporanea in Friuli Venezia Giulia:eventi in corso

Immagine
Appena inaugurata, il 14 dicembre, alla Galleria Spazzapan di Gradisca d’Isonzo la mostra “Per sedersi” curata da Annalia Delneri dedicata al designer friulano Werther Toffoloni, nato a Udine nel 1930, uno dei maggiori protagonisti della progettazione nel campo della sedia. Resterà aperta fino al 14 aprile. Sta per aprirsi al Museo Revoltella di Trieste (inaugurazione il 19 dicembre alle 17.30) la nuova edizione di “Corrispondenze d’arte”, formula già sperimentata nel 2011 con quattordici artisti della regione distribuiti in tutti i sei piani del museo (ne rimane testimonianza il catalogo appena uscito, ricco di immagini che esaltano il colloquio tra le opere contemporanee e il contesto storico).

Dicembre 2012. Riprendiamo dopo un anno di silenzio. Non si può restare inerti.

Immagine
Questo blog dedicato ai musei del Friuli Venezia Giulia è rimasto inattivo per oltre un anno. L'ultimo post risale, infatti, al 18 ottobre del 2011. Abbiamo deciso di riprendere a seguire le vicende dei musei pubblici perchè la situazione, già difficile, è ulteriormente peggiorata, come, del resto, si può dire per tutte le attività connesse alla cultura. E' di questi giorni la protesta dei lavoratori dello spettacolo che hanno fortemente contestato i pesantissimi tagli ai finanziamenti regionali decisi dalla Giunta Tondo per il 2013 e hanno creato un movimento, chiamato  "Movimento 1% per la cultura in Friuli Venezia Giulia" che si propone di difendere la quota minima, dell' 1% appunto, da riservare alla cultura nel bilancio della Regione. Al movimento aderiscono i teatri, i festival cinematografici e musicali, le associazioni culturali e dello spettacolo dal vivo.Restano in disparte, invece, i musei,