Post

Visualizzazione dei post da Settembre, 2016

Riuscirà la Regione Friuli Venezia Giulia a rivoluzionare i musei?

Immagine
Il quotidiano "Il Piccolo" in edicola oggi dà un grande risalto alla riorganizzazione del sistema museale a cui la Regione Friuli Venezia Giulia, attraverso l'assessore alla cultura Gianni Torrenti, sta lavorando dal 2015. L'articolo si intitola "Al via la rivoluzione dei musei" e in effetti chi opera in questo ambito sa bene che per uscire da una situazione di crisi che si sta facendo sempre più grave - soprattutto per la diminuzione di organici e di risorse finanziarie - ci vuole proprio una vera e profonda rivoluzione.
Torrenti assicura che l'indirizzo preso dalla nostra Regione, cioè quello di obbligare i musei ad adeguarsi agli standard, è pienamente in linea con quello che sta facendo il Ministero dei beni culturali a livello nazionale. A cui l'assessore partecipa direttamente come coordinatore della Commissione cultura della Conferenza delle Regioni.
Il problema è di notevoli proporzioni. Su 400 musei regionali solo 2 avrebbero le carte in r…

Giornate europee del patrimonio 24 e 25 settembre

Immagine
Dal 1991 il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo aderisce alle Giornate Europee del Patrimonio (GEP), manifestazione promossa dalConsiglio d’Europa e dalla Commissione Europea con l’intento di potenziare e favorire il dialogo e lo scambio in ambito culturale tra le Nazioni europee. Si tratta di un’occasione di straordinaria importanza per riaffermare il ruolo centrale della cultura nelle dinamiche della società italiana che vede una partecipazione sempre molto ampia non solo da parte delle istituzioni culturali statali, ma anche da parte di Enti locali, musei civici, fondazioni, associazioni, ecc. Tema dell’edizione 2016 è la partecipazione al patrimonio, sottolineato con l’hashtag #Culturaèpartecipazione: l’attenzione si sposta, dunque, dai musei e dai luoghi della cultura ai cittadini che ne costituiscono la potenziale comunità di eredità.

Aperta fino al 30 ottobre la mostra "Leoni e tori dall'antica Persia ad Aquileia"

Immagine
Comunicato della Fondazione Aquileia.
Vista l’eccezionale affluenza di pubblico – superati i 20.000 visitatori in poco più di due mesi – la mostra “Leoni e tori dall’antica Persia ad Aquileia”, ideata dalla Fondazione Aquileia e organizzata in collaborazione con il Polo Museale del Friuli Venezia Giulia, il National Museum of Iran e l’Iranian Cultural Heritage Handcrafts and Tourism Organization, viene prorogata fino a domenica 30 ottobre.

Le conferenze del lunedì al castello di Miramare

Immagine
Alla riscoperta di Miramare e del suo territorio: archeologia a Trieste nell’Ottocento è il titolo della conferenza che l'archeologa Maria Elena Masano terrà lunedì 19 settembre, alle ore 20.30, nella sala della Rosa dei venti del Museo storico del Castello di Miramare.
Con la consapevolezza che l’archeologia e lo studio dell’antichità siano discipline sempre attuali e rappresentino, non solo un insegnamento, ma anche un monito per le generazioni future, si ricostruirà il percorso che l’archeologia ha compiuto a Trieste nell'Ottocento, quando, da occupazione dilettantistica per eruditi - seppur animanti da un amore incondizionato per la propria patria-, si apprestava a diventare un campo di studi sistematico, fatto di metodologie e indagini precise e rigorose.

La Giornata Europea della Cultura Ebraica: gli eventi di Trieste

Immagine
In settantaquattro località italiane domenica 18 settembre 2016 si celebrerà la Giornata Europea della Cultura Ebraica. Centinaia di eventi sono stati organizzati per fare conoscere i luoghi, la storia e le tradizioni ebraiche. Sono previsti spettacoli, mostre, concerti, degustazioni kasher e, naturalmente, visite guidate a sinagoghe e musei.
La Comunità ebraica di Trieste propone il seguente programma:

Michele Gortani e l'Africa. Una mostra a Tolmezzo

Immagine
Si intitola "Gortani e l'Africa. L'esperienza di ricerca di Michele Gortani in Africa Orientale (1936-1938)" la mostra che si è inaugurata ieri, venerdì 16 settembre 2016 al Museo carnico delle Arti Popolari che porta il suo nome.
La mostra, allestita all'interno dell'esposizione permanente del museo racconta l’avventura in Africa di Gortani in veste di geologo, quando fra il 1936 e il 1938 venne inviato dall’AGIP in Dancalia, Harar e Ogaden a capo di una campagna di studi geopetroliferi per effettuare delle ricognizioni sulla possibilità di rinvenire giacimenti di petrolio.