Post

Visualizzazione dei post da Luglio, 2017

Il fascino dell'antico dal punto di vista di J.J. Winckelmann

Immagine
Ogni anno il Museo di storia ed arte di Trieste (che sarebbe più appropriato chiamare Museo archeologico o Museo di antichità visto che si tratta di un'istituzione dedicata alla conservazione delle memorie cittadine più remote) propone incontri serali particolarmente interessanti sia per i contenuti, sempre originali, sia per l'opportunità di godersi le suggestioni notturne e il fresco del colle di San Giusto. Da non perdere, dunque, questa iniziativa che resiste al tempo mantenendo sempre un ottimo livello.
L'edizione 2017 di "Archeologia di sera" inizia martedì 2 agosto alle 20 e si ripeterà ogni settimana fino a martedì 29. Filo conduttore è la vicenda tragica di J.J.Winckelmann, l’illustre archeologo e antiquario tedesco che nacque in Prussia nel 1717, esattamente trecento anni fa, e morì a Trieste nel 1768 dove - nel Lapidario - ha il suo monumento.

Al Museo Ebraico di Trieste serata dedicata a Herbert Pagani

Immagine
Chi non ricorda Herbert Pagani? Basta un titolo: "Albergo a ore", una canzone rimasta nell'immaginario collettivo. Stasera Al Museo della Comunità Ebraica di Trieste terzo appuntamento dell'iniziativa Erev Laila 2017 organizzata dall'associazione Musica Libera. Alle 21 sulla terrazza del museo, ingresso via del Monte 3 (entrata libera) è in programma: “Chi era HERBERT PAGANI?” con Anna Jancek voce e chitarra, video a cura di Samuele Orlando.
Herbert Avraham Haggiag Pagani (Tripoli, 25 aprile 1944 – Palm Springs, 16 agosto 1988) è stato un cantautore, disc-jockey, poeta, scrittore, scultore, pittore (sue opere furono esposte a Trieste, nel 1999, nella mostra Musica senza suono curata da Enzo Gentile e Francesco Messina al Museo Revoltella) e attore italiano.

I ritratti di Maurizio Frullani a Gradisca fino al 9 luglio

Immagine
Alla Galleria Spazzapan di Gradisca è in corso una bella mostra fotografica di Maurizio Frullani dedicata al ritratto e in particolare ai ritratti che egli fece agli amici artisti. Ci sono ancora alcuni giorni di apertura, visto che la mostra è stata prorogata fino a domenica 9 luglio. Vale la pena visitarla per scoprire un grande maestro del bianco e nero, capace di scavare nel profondo di ciascuna personalità.
Info sulla mostra e sugli orari di apertura