Il fascino dell'antico dal punto di vista di J.J. Winckelmann

Ogni anno il Museo di storia ed arte di Trieste (che sarebbe più appropriato chiamare Museo archeologico o Museo di antichità visto che si tratta di un'istituzione dedicata alla conservazione delle memorie cittadine più remote) propone incontri serali particolarmente interessanti sia per i contenuti, sempre originali, sia per l'opportunità di godersi le suggestioni notturne e il fresco del colle di San Giusto. Da non perdere, dunque, questa iniziativa che resiste al tempo mantenendo sempre un ottimo livello.
L'edizione 2017 di "Archeologia di sera" inizia martedì 2 agosto alle 20 e si ripeterà ogni settimana fino a martedì 29. Filo conduttore è la vicenda tragica di J.J.Winckelmann, l’illustre archeologo e antiquario tedesco che nacque in Prussia nel 1717, esattamente trecento anni fa, e morì a Trieste nel 1768 dove - nel Lapidario - ha il suo monumento.

Curata da Marzia Vidulli e Susanna Moser, la rassegna si intitola “Conoscere significa mangiare con gli occhi”e prevede la la lettura diretta degli scritti di Winckelmann, descrizioni e osservazioni per permettere al pubblico di conoscere tanto il suo genio quanto le opere d’arte che egli amava: Winckelmann insegna che bisogna vedere l’opera con i propri occhi e, guidati dalle sue parole, possiamo comprendere le novità che introdusse nello studio delle antichità ponendo le basi per una nuova Storia dell’Arte.
Ogni incontro include anche un momento musicale.

Martedì 1 agosto

Ore 20.30 Corde vibranti nel Giardino delle delizie, interventi musicali a cura di Federico Rossignoli (chitarra)

Ore 21 Winckelmann e la nascita della Storia dell’Arte Egizia, lettura da Winckelmann

Ore 22 Proiezione del documentario Rai In morte di un archeologo. Winckelmann, Trieste e il riscatto di una città di Paola Bonifacio e Piero Pieri (durata 60 minuti)

In contemporanea visite guidate alle sezioni del Museo

Martedì 8 agosto

Ore 20.30 Corde vibranti nel Giardino delle delizie, interventi musicali a cura di Teodora Tommasi (flauto dolce) e Federico Rossignoli (chitarra)

Ore 21 “L’idea d’ una beltà sublime” (l’arte greca), lettura da Winckelmann

Ore 22 Replica del documentario Rai In morte di un archeologo. Winckelmann, Trieste e il riscatto di una città di Paola Bonifacio e Piero Pieri (durata 60 minuti)

In contemporanea visite guidate alle sezioni del Museo

Martedì 15 agosto

Ore 20.30 Proiezione del cortometraggio Winckelmann: storia di un assassinio, di Mariangela Miceli e Giuseppe Sforzi, regia Daniele Trani, Collective Pictures (durata 15 minuti)

Ore 21 L’arte raggiunge la Grazia (da Prassitele all’Ellenismo), lettura da Winckelmann

Ore 22 Replica del documentario Rai In morte di un archeologo. Winckelmann, Trieste e il riscatto di una città di Paola Bonifacio e Piero Pieri (durata 60 minuti)

In contemporanea visite guidate alle sezioni del Museo

Martedì 22 agosto

Ore 20.30 Corde vibranti nel Giardino delle delizie, interventi musicali a cura di Giovanni Settimo (chitarra)

Ore 21 Il sentimento del bello (l’arte sotto Roma), lettura da Winckelmann

Ore 22 Replica del documentario Rai In morte di un archeologo. Winckelmann, Trieste e il riscatto di una città di Paola Bonifacio e Piero Pieri (durata 60 minuti)

In contemporanea visite guidate alle sezioni del Museo

Martedì 29 agosto

Ore 20.30 Corde vibranti nel Giardino delle delizie, interventi musicali a cura di Teodora Tommasi (arpa)

Ore 21 Winckelmann e il collezionismo dei vasi antichi, lettura da Winckelmann

Ore 22 Replica del documentario Rai In morte di un archeologo. Winckelmann, Trieste e il riscatto di una città di Paola Bonifacio e Piero Pieri (durata 60 minuti)

In contemporanea visite guidate alle sezioni del Museo



Commenti

Post popolari in questo blog

Artisti friulani tra Otto e Novecento: Antonio Camaur (1875-1919)

Dove sono le opere di Lucio Fontana dei musei friulani?

Un grande artista nato qui: Luigi Spazzapan