Investimento del nuovo sindaco Dario Raugna per il Museo civico di Grado

L'anno 2017 si avvia con una buona notizia per i musei. Come scrive oggi Antomio Boemo sul "Piccolo", "il Comune di Grado mette sul tavolo 600 mila euro per il Museo Civico. Serviranno per i lavori dell’impiantistica e la sistemazione esterna dell’edificio. Quella struttura chiusa da anni - che offre un’immagine a dir poco indecorosa in un punto strategico e visitato dell'isola, tra piazza Biagio Marin davanti al Municipio e campo Patriarca Elia e la basilica - potrebbe finalmente vedere la luce nel corso di quest’anno.
È dal 2006 che si parla di questo edificio, un tempo ex canonica, ma in dieci anni non si è riusciti a completare l’opera. Ci prova ora la nuova amministrazione comunale del sindaco Dario Raugna, che ha sempre indicato come prioritario l’intervento. Oltre ai reperti trovati negli anni in centro storico - che in buona parte sono custoditi al Museo di Aquileia, oggetti e testimonianze di indubbio valore storico e archeologico - ci sono quelli trovati proprio sotto la pavimentazione dell’ex canonica. A questi per logica, in modo da poter dare la possibilità a tutti di ammirarli senza problemi di specifiche aperture, dovrebbero aggiungersi tutti i preziosi oggetti del Tesoro del vicino Duomo. Sarebbe davvero una scelta gratificante per la realtà di Grado. È anche per questo che il Comune pare intenzionato a creare una specifica commissione di esperti e diretti interessati. Dunque, circa 600 mila euro per gli interventi che mancano. Cifra disponibile nelle casse comunali, un importo che è consentito utilizzare nonostante le stringenti corde del patto di stabilità."
Davvero una buona notizia che, ci auguriamo, corrisponda alla volontà e alla possibilità di portare a termine il progetto, che non può essere che qualificante per una realtà cittadina come quella di Grado, ricca di storia e di testimonianze particolarmente preziose.

Commenti

Post popolari in questo blog

Chiude l'AIM, Alinari Image Museum, di Trieste.

Quando del patrimonio non importa proprio nulla...

Artisti friulani tra Otto e Novecento: Antonio Camaur (1875-1919)