Antonio Morassi, grande storico dell'arte

Venerdì 22 febbraio nella sede dei Musei provinciali di Gorizia, a Palazzo Attems, è stato presentato il corposo volume di atti del convegno internazionale in onore di Antonio Morassi  (dal titolo: "Antonio Morassi: tempi e luoghi di una passione per l'arte") tenutosi a Gorizia, nella sede della Fondazione Coronini Cronberg, nel settembre 2008. E' stata l'occasione per parlare ancora una volta dei meriti di questo illustre studioso della pittura del Settecento veneziano (e non solo!) nei confronti della sua città natale. Senza Morassi non solo non ci sarebbero importanti scoperte sulla storia dell'arte del Goriziano, ma nemmeno le mostre e i cataloghi che subito dopo la prima guerra mondiale segnarono la rinascita di Gorizia anche dal punto di vista artistico. >>>
Il volume, quasi 350 pagine curate da Serenella Ferrari, ripercorre tutte le fasi della lunga carriera di Morassi attraverso le testimonianze di colleghi, allievi, studiosi che hanno avuto occasione di conoscerlo direttamente o di studiare sui suoi testi, ma anche dei familiari e dei più cari amici. Si apre con un intervento del sindaco di Gorizia Ettore Romoli che lo ricorda come "uno dei più grandi storici dell'arte italiani del secolo scorso", e continuando, "un uomo straordinario, dalla carriera costellata di encomi e grandi soddisfazioni, stimato da tutti indistintamente, perché la sua preparazione ineccepibile e la sua profonda conoscenza della storia dell'arte andavano di pari passo con un carattere cordiale e sempre disponibile al dialogo e al confronto." Seguono numerosi e importanti contributi di Mina Gregori, Fausto Pocar, Pietro Zampetti, Giuseppe Maria Pilo, Michela Agazzi, Maria Teresa Mazzilli Savini, Luisa Erba, Laura Dal Prà, Silvia Spada Pintarelli, Luisa Arrigoni, Maria Masau Dan, Rossana Sacchi, Franco Boggero, Sergej Androsov, Sergio Tavano, Branko Marusic, Franco Firmiani, Serenella Ferrari, Alessandro Quinzi, Federica Alloggio. Il volume contiene anche una sezione dedicata ai ricordi familiari con testi di Maria Cristina Janesich Murialdi, Clara Morassi Stanta, Luigi Bernardis, Anna Luisa Angioi Calligaris.
Pinacoteca di Palazzo Attems, Gorizia - Sala Tominz
Durante la presentazione, in cui si sono avvicendati l'assessore alla cultura della Provincia Federico Portelli, Fausto Pocar, Maddalena Malni e Alessandro Quinzi, sono stati ricordati gli esordi di Morassi come storico dell'arte della Soprintendenza nei primi anni venti e il suo impegno per la "Prima mostra goriziana di belle arti" nel 1924, ma anche la collaborazione che diede alla grande mostra di Giuseppe Tominz del 1966 e a quella di Vittorio Bolaffio del 1975, due pittori goriziani di grande valore che egli contribuì significativamente a far conoscere.
E' stato ricordato anche che la Provincia nel 1988 istituì tre premi intitolati a Morassi, a Biagio Marin e a Ervino Pocar, grandi intellettuali goriziani legati da profonda amicizia. Da qualche anno i premi non vengono più banditi, mentre, come hanno rilevato alcuni dei presenti alla serata, sarebbe quanto mai opportuno continuare a tenere in evidenza queste figure che hanno onorato Gorizia con le loro opere.

Commenti

Post popolari in questo blog

Artisti friulani tra Otto e Novecento: Antonio Camaur (1875-1919)

Dove sono le opere di Lucio Fontana dei musei friulani?

Un grande artista nato qui: Luigi Spazzapan