"Orizzonti aperti" in mostra a Palazzo Attems


Dopo il successo di pubblico e di critica ottenuto dalla mostra “Orizzonti dischiusi” allestita l’anno scorso al Salone degli Incanti di Trieste, approda a Gorizia una selezione della stessa esposizione, curata da Joško Vetrih: la mostra s'intitola “Orizzonti aperti a Gorizia” e si è inaugurata giovedì 11 aprile ai Musei Provinciali di piazza De Amicis. Anche nell’esposizione di palazzo Attems-Petzenstein che attinge alle collezioni d’arte della Kb1909 e della Banca Mps,
non mancano le opere degli artisti più importanti di cultura slovena, noti anche a livello nazionale: Veno Pilon (1896–1970), Ivan Cargo (1898–1958), Anton Zoran Mušic (1909–2005), Lojze Spacal (1907–2000), Avgust Cernigoj (1898–1985) e Tone Kralj (1900–1975). A conferire però un autonomo e qualitativo spessore culturale agli "orizzonti" goriziani concorre innanzitutto il contesto espositivo e museale, con il quale la mostra dialoga, tanto che alcuni pezzi saranno inseriti nel percorso della Pinacoteca permanente. >>>
L’esposizione di palazzo Attems ha poi l’ambizione di far conoscere ad un pubblico più ampio altri “nomi da museo” di artisti goriziani per nascita o adozione sinora poco noti, se non sconosciuti. Tra loro si possono menzionare quelli di Avgusta Šantel jr. (1876–1968), pronipote di Giuseppe Tominz; di Avgust Bucik (1887–1951), presente in mostra con una singolare veduta; di Milko Bambic (1905–1991), allievo di Spazzapan e inventore del logo della Radenska; di Riko Debenjak (1908–1987) nato a Canal; e quello di Rudolf Saksida (1913–1984), sodale futurista di Crali e Cenisi nella Gorizia degli anni Trenta e successivamente scivolato nell’oblio (del quale ricorre il centenario della nascita). A questi si affiancano i nomi di Cvetko Šcuka (1895–1987), Albert Sirk (1887–1947), Jože Cesar (1907–1980), Robert Hlavaty (1897–1982), Avrelij Lukežic (1912–1980), Demetrij Cej (1931–2012), Silvester Komel (1931–1983) e i contemporanei Bogdan Grom, Andrej Kosic, Klavdij Palcic, Vladimir Klanjšcek e Franko Vecchiet al quale si deve il mosaico della piazza Transalpina. Rappresenta invece un inedito assoluto un’opera affatto particolare di Anton Zoran Mušic: si tratta di un foglio disegnato su entrambi i lati. Sinora è stato esposto e documentato solo il disegno del colle del Rafut realizzato nel 1945. A palazzo Attems sarà invece esposto per la prima volta il recto del foglio, sul quale l’artista ha delineato la facciata della chiesa veneziana di San Moisè. È poco più di un appunto, utile alla stesura del dipinto, oggi conservato alla Galleria Miha Maleš di Kamnik e datato al 1944. Nell’arco di tempo che separa le due facce del foglio si è dunque consumata la tragedia di Dachau, quella che lo stesso Mušic ha definito la vera scuola di vita rispetto alla scuola di pittura dell’Accademia di Zagabria.

Commenti

Post popolari in questo blog

Quando del patrimonio non importa proprio nulla...

Artisti friulani tra Otto e Novecento: Antonio Camaur (1875-1919)

Dove sono le opere di Lucio Fontana dei musei friulani?